Il fabbisogno energetico, a portata di mano

Un’alimentazione equilibrata rispetta il nostro fabbisogno energetico quotidiano, senza eccedere nelle quantità. Ma come si fa a porzionare il cibo? In questo articolo, ti sveliamo un piccolo trucchetto per avere sempre una bilancia... a portata di mano!

Capire la quantità corretta da ingerire di un determinato alimento può essere complicato, ma esiste un modo semplice e veloce per farlo: utilizzare le proprie mani come riferimento.

Questo metodo, chiamato "Dietetica per volumi" è stato ideato da un dietologo italiano di nome Oliviero Sculati, e si basa sul fatto che le dimensioni delle nostre mani sono proporzionate al nostro corpo e possono essere utilizzate per misurare il giusto quantitativo di cibo da assumere. Ad esempio:

  • Un pugno chiuso può essere usato per misurare cibi come pasta, riso, legumi e verdure.
  • Una mano aperta appoggiata su un piano a dita chiuse può indicare le dimensioni di carne o pesce.
  • Una mano aperta a dita chiuse ci può aiutare a quantificare le dimensioni di una fetta di pane o di polenta.
  • Le dita vengono usate per alimenti di piccole dimensioni: due dita unite possono essere il riferimento cibi che si consumano in fette e il pollice può ricondurre alle dimensioni di due quadratini di cioccolato.

Questo è un metodo pratico per definire le corrette proporzioni di cibo, contribuendo alla salute personale e ambientale.