Melanzana

È stata introdotta in Europa grazie agli arabi durante il medioevo con il nome di “badingian”, tradotto in italiano con petronciano, ma purtroppo per lei non è stata ben accolta nel panorama gastronomico medievale, arrivando addirittura a essere indicata come causa di pazzia.

Questo e anche altri sono i motivi che hanno portato alla modifica della radice del termine con il frutto più amato e conosciuto: la mela.

Quella che era la melan-giana è oggi la nostra melanzana.

 

Appartiene alla stessa famiglia di patate, pomodori e peperoni: quella delle Solinacee.

Il nome non è casuale, infatti contiene solanina, un glicoalcaloide che se assunto in eccessive quantità può dare sonnolenza e fastidi gastrici. Per questo non si mangiano crude, ma sempre ben cotte.

Esistono numerose varietà di melanzane che cambiano per forma, dimensione e colore: la Violetta, la Black beauty (capostipite delle Tonde), la Rotonda Bianca e la Mostruosa di New York.

È una verdura ricca di potassio, fosforo e calcio, per questo dotata di un forte potere rimineralizzante oltre che depurativo.

La sua crescita è molto influenzata dal clima, tanto che se la temperatura scende sotto i 12°C, si blocca lo sviluppo, per questo è fondamentale acquistarla nella stagione giusta.

Quando? Fra giugno e settembre.

Sono tantissimi i piatti che puoi creare con le melanzane, se vuoi scoprire di più continua a seguirci sulle nostre pagine Selex.