• Supermercati
  • Le nostre marche
  • Carta Club
  • Novità
  • Spesa e Consigli
  • Affiliazione
  • Contattaci

Erica, il fiore dell'inverno

Aggiungi ai preferiti

  • Stampa

Accende di colore davanzali e giardini anche nei mesi più freddi: le cure per farla rifiorire di anno in anno

Dall'inizio dell'autunno e per tutto l'inverno, l’erica ritorna puntuale tra le proposte dei fioristi, nei garden center e negli scaffali dei reparti di giardinaggio dei supermercati: comprarla è facile, farla prosperare non così scontato. Sì, perché anche se popola gli habitat più inospitali come i terreni poveri e ostili della brughiera, riuscire a farla vivere a lungo nei nostri terrazzi o in giardino non è facile e si rischia che finisca la stagione facendo bella mostra di sé quando ormai è secca.

In balcone e in giardino

La varietà presente in quantità sul mercato è l’Erica gracilis, che forma un arbusto che raggiunge i 45-50 centimetri di altezza. Scelto il colore preferito dei fiori (dal bianco alle tonalità rosate fino al magenta), appena la pianta arriva a casa districatene le radici tagliuzzando le più vecchie e asfittiche. 

Se volete coltivarla in terrazzo, rinvasatela in un contenitore poco più grande, nel quale avrete predisposto sul fondo uno strato drenante di materiale inerte, e aggiungete terra specifica per acidofile. Fate una bella buca e analoga preparazione del fondo se invece la volete mettere a dimora in giardino. 

In entrambi i casi ricordate che, come tutte le varietà di Erica, anche la Erica gracilis non tollera assolutamente il calcare.  Quindi alle piante coltivate al coperto somministrate acqua distillata o ancora meglio acqua piovana. Un segreto: ogni tanto l’erica, come tutte le acidofile, gradisce un po' di tè freddo. 

Le annaffiature dovranno essere costanti per mantenere il terreno di coltivazione umido, anche se mai troppo bagnato, in quanto le eriche temono l'umidità. Se saprete calibrare il giusto equilibrio idrico, la pianta ripagherà con abbondante fioritura e potrete godere della sua compagnia per diversi anni.

Le cure tra una fioritura e l'altra

Terminata la fioritura, potate le piante eliminando la parte dei fusti che ha i fiori appassiti. Dalla primavera fino alla fine dell’estate potete tentare di propagare l'erica da talea, prelevando dalla pianta madre porzioni di rami che dovranno avere una lunghezza di circa cinque centimetri. Radicano rapidamente in vaso contenente un miscuglio di sabbia e torba posto in luogo riparato. 

D'estate, periodo che coincide con il riposo vegetativo, la pianta dovrà essere posta al riparo dai raggi cocenti del sole e annaffiata con maggiore frequenza: in terrazzo e in giardino meglio affidarsi a un impianto goccia a goccia. 

La ghirlanda del sonno sereno

L'erica è una pianta molto utilizzata nelle decorazioni floreali, perché anche essiccata conserva perfettamente il colore delle belle spighe di fiori campanulati. Potete preparare alcune piccole ghirlande, per dare un tocco decor alla vostra casa o per donarle agli amici. L’erica dagli scozzesi viene regalata alle persone care ed è utilizzata come augurio di felice matrimonio.  In particolare, quella con i fiori di colore bianco, secondo il  linguaggio dei fiori, offre protezione e buon auspicio che i desideri si avverino. Secondo la tradizione celtica, appesa in camera da letto garantisce sogni sereni.

 

Cosa occorre:

1. base di rami intrecciati provenienti dalla potatura di kiwi, glicine, clematide ecc. (va bene qualunque rametto, se non ne avete chiedete al fiorista)

2. rametti di erica fiorita

3. fil di ferro verde da fioristi (si trova nei vivai, dal    ferramenta, nei reparti giardinaggio o bricolage di supermercati e centri commerciali)

4. nastro

PROCEDIMENTO:

Fissate i rametti di erica con il fil di ferro da fiorista,  cercando di sovrapporre gli apici fiorali sui gambi, in modo da nascondere questi ultimi. Completate il giro e fissate il fil di ferro e il nastro in tinta.

 


“La leggenda narra che l'erica sia l'arbusto vicino al quale amino sostare le fate. Quindi, per attirarle, non ci resta che piantarla in abbondanza in giardino o nei vasi sul balcone e poi coltivarla con le giuste accortezze, perché possa rifiorire anno dopo anno.”

ENTRA IN

Tanti vantaggi per te!

Buoni sconto

Offerte su misura

Servizi esclusivi

Registrati

Non sei ancora registrato?

REGISTRATI ORA

La registrazione è completamente gratuita e ti dà diritto a numerose inziative e offerte riservate agli utenti registrati!