• Supermercati
  • Le nostre marche
  • Carta Club
  • Novità
  • Spesa e Consigli
  • Affiliazione
  • Contattaci

Ciclamini, tanta luce e poca acqua

Aggiungi ai preferiti

  • Stampa

Fioritura prolungata e magnifici colori ne fanno una delle piante più apprezzate: in balcone, in giardino e anche in casa 

Il ciclamino è una delle piante più popolari, per la sua vivace e prolungata fioritura e per la facilità di coltivazione. Attenzione, però: il linguaggio dei fiori lo associa alla diffidenza e allo scoraggiamento, quindi tenetene conto quando lo regalerete o lo riceverete in dono. In realtà, questo significato negativo è probabilmente solo un monito riguardo alla tossicità della ciclamina, la sostanza emessa dai suoi bulbi.

Il ciclamino più comune e commercializzato è frutto di selezioni e incroci che hanno avuto origine da Cyclamen persicum, la specie non rustica coltivata in serra o come pianta da appartamento. Nel corso degli anni, gli ibridatori hanno selezionato piante dal fiore sempre più grande, a scapito del profumo che invece conserva la specie spontanea. Tuttavia, la più recente tendenza florovivaistica si è indirizzata verso la produzione di piante di piccole dimensioni, più simili a quelle che popolano i boschi e spesso anche profumate.

Sul mercato sono presenti ciclamini con fiori variamente colorati: dal bianco fino al carminio passando per tutte le sfumature del rosa e del classico color ciclamino. Alcuni ibridi molto apprezzati possono presentare anche petali screziati. Anche la colorazione delle foglie può essere più o meno screziata di bianco.

Bouquet di ciclamini

Un semplice mazzolino di ciclamini recisi può essere un bellissimo dono, oppure un’idea per creare in casa un angolo decor. Bastano pochi steli, potete coglierli nel bosco spontanei o prelevarli dai vostri vasi sul balcone. Cogliete il fiore preferibilmente la mattina, quando gli steli sono più turgidi. Il metodo di raccolta consiste nel ruotare lo stelo e staccarlo dalla base della pianta con un movimento secco. Nel corso di questa operazione, fare attenzione a non danneggiare il tessuto dello stelo. Per migliorare l'assorbimento dell'acqua è importante poi recidere con un taglio di netto la base degli steli. La durata in vaso può essere anche di una settimana, per prolungarla dovrete cambiare l'acqua e aggiungete eventualmente mezza compressa di aspirina.


A&O consiglia

Spontanei nel bosco Se avete avuto la fortuna di ammirare in un bosco la fioritura autunnale dei ciclamini spontanei, sarete tentati di ricrearla anche nel vostro giardino. Sarà davvero semplice, poiché è una pianta rustica con poche esigenze, in grado di resistere tanto a periodi di prolungata siccità quanto alle gelate intense. A fine estate, dovrete solo avere l'accortezza di metterne a dimora i grandi bulbi sferici e piatti a circa 5 centimetri di profondità in un terreno ricco di humus in una zona semi ombreggiata, ricreando l'ambiente naturale in cui prospera allo stato spontaneo. Potrete godere di fiori talvolta profumati, da settembre fino a novembre. Scegliete le varietà endemiche dei boschi che colonizzeranno in breve tempo vaste aree, come Cyclamen neapolitanum oppure C. europaeum delicatamente profumato e ancora C. hederifolium dalle caratteristiche foglie a forma di edera.

ENTRA IN

Tanti vantaggi per te!

Buoni sconto

Offerte su misura

Servizi esclusivi

Registrati

Non sei ancora registrato?

REGISTRATI ORA

La registrazione è completamente gratuita e ti dà diritto a numerose inziative e offerte riservate agli utenti registrati!